In Italia più del 70% degli italiani sono proprietari di casa.

Essere proprietari di un immobile era ed è tutt’ora per tanti una priorità. Ora qualcosa sta cambiando: i millennials, i nati cioè tra i primi Anni ’80 e i primi Anni 2000, sono sempre più interessati all’affitto, con diversi motivi a sostenere questa scelta.

Il primo è sicuramente di tipo economico: a incidere sono la poca sicurezza sul lavoro e una lenta crescita economica, senza sottovalutare anche i molteplici cambi di lavoro nell’arco di periodi brevi.

Oggi i contratti di lavoro scadono, non vengono rinnovati mentre altre volte si tratta anche della voglia di andare all’estero per fare un’esperienza lavorativa e di vita fuori dall’Italia, In questo senso, prendere una casa in affitto garantisce una maggiore libertà.

Si compra una casa presto se si è sicuri di voler restare nella città in cui si vive, in molti casi se i genitori possono supportare economicamente questa scelta, altrimenti si preferisce stare in affitto e comprare più avanti, In questo modo, invece di comprare un bilocale oggi, magari si riesce a comprare un trilocale tra qualche anno.

Da una ricerca effettuata riguardante questo tema è emerso che:

  • il taglio più affittato è il bilocale seguito dal trilocale;
  • la maggior parte degli inquilini sono single e coppie;
  • c’è un netto aumento nella stipula dei contratti a canone concordato (3 anni + 2).